Goodbye Aspire, Hello MacBook

Goodbye Aspire, Hello MacBook

Qualche giorno fa dopo quasi 5 anni di onorato ed intenso servizio, il mio vecchio notebook Acer Aspire 1600 ha esalato l’ultimo respiro (dal dissipatore). La mattina sono andato per accenderlo e non dava segni di vita, se non per due led sotto lo schermo ed un sospetto ronzio provenente dalla scheda madre. Dopo aver fatto diverse prove sono arrivato alla diagnosi: rottura del circuito di alimentazione.
La diagnosi è stata confermata anche dalla successiva autopsia: Intorno ad un paio di componenti (presumibilmente piccoli trasformatori di corrente) era presente una colata di stagno che aveva invaso e mandato in corto la scheda madre, nella zona accanto alla CPU. L’imputato numero uno è quest’ultimo: scaldava veramente tanto, ed il rumore delle ventole era costantemente insopportabile (nonostante ripulissi il dissipatore regolarmente). Mi sono quindi rassegnato e dopo aver riposto i pezzi esanimi in una scatola mi son messo alla ricerca di un degno sostituto.

Avevo abbastanza fretta di comprarne uno nuovo, sia perchè ormai praticamente senza computer non ci posso più stare 😛 sia perchè in questo momento ne ho bisogno per lavorare sulla tesi. Mi sono indirizzato dunque verso la portabilità, la compattezza, la durata della batteria. Ma anche a qualcosa di esteticamente gradevole e ovviamente conveniente sia per il prezzo che per le prestazioni.

Ho valutato diversi notebook 13 e 14 pollici, ma poi la mia scelta è stata fermamente….

MacBook !!

Eh si, il gioiellino di casa Apple era un sogno nel cassetto già da molto tempo. Avevo spesso ammirato questi oggetti nelle mani di amici (devo dire con una certa invidia). Una attrazione che è difficile da spiegare, a quelli che non possono capirla 🙂

Non volevo però comprare ad occhi chiusi. Ho valutato le altre offerte, comparando componenti e prezzi. Alla fine sono arrivato alla conclusione che il MacBook aveva tutto quello che volevo, ad un prezzo ragionevole (e, per sfatare un mito, perfettamente in linea col mercato).

Già da qualche anno mi ero interessato al mondo Apple, più o meno da quando ho l’iPod Nano ed i Mac hanno abbracciato gli Intel al posto dei PowerPC. Sono stato attratto da tutto quel mondo che c’è intorno, quello dei rumors, dei keynote, delle foto fake… dei mac-fan maniaci che un po’ mi facevano sorridere… 🙂
Tutti a pendere dalle labbra di “Babbo” Steve, sempre pronto a stupire con un nuovo prodotto quando meno ci si aspetta (oppure al contrario quando il mercato è esasperato dall’attesa). Non c’è che dire è un Business-Man senza paragoni.

Ma chi pensa che abbia scelto il MacBook solo perchè “è fashion” e “fa figo” si sbaglia. Ho sempre ritenuto quello di Apple un hardware di qualità, esaltato da un design senza paragoni. Tutti gli altri computer sembrano o perfetti “cassettoni” o copie venute maluccio dei mac. Solo pochi produttori iniziano ad puntare anche sull’eleganza (esempio, i Sony Vaio).

Altro capitolo è MacOsX, il sistema operativo incluso in ogni Mac (adesso giunto alla versione 10.5 “Leopard”). Avevo avuto modo di vederlo nei mac dei miei amici, sembrava bello e funzionale (soprattutto a quanto mi dicevano) ma non credevo che sarebbe stato … cosi.
Inizialmente non avevo scelto un Mac per cambiare sistema operativo. La mia intenzione era comunque quella di metterci Linux (per vari ed ovvii motivi), ma trovandomi installato questo nuovo (per me) so, mi sono messo a provarlo negli ultimi due giorni.
Superate le difficoltà iniziali di ambientazione, sono rimasto sorpreso di quanto sia estremamente facile fare qualsiasi operazione. Tutto si fa con due click, o con un drag’n’drop. Altrimenti ci sono le shortcut… e se non bastasse c’è pure il terminale, per ricordare che sotto sotto c’è ancora un cuore unix. Sono rimasto più che piacevolmente sorpreso, devo ammetterlo. E’ tutto cosi naturale e semplice che ti viene da chiederti perchè gli altri non ci abbiano ancora pensato. Anzi, ti rendi conto che molte cose gli altri le hanno spudoratamente copiate (vedi effetti grafici alle finestre, dashboard, exposé, dock…).
E’ un SO veramente avanti… e credo che lo utilizzero’ spesso, alternato a Linux che ho già installato in dual boot.

Da oggi inizia per me una nuova era informatica: più veloce, moderna, silenziosa…. più bianca 🙂

A breve comunque scriverò una recensione completa su Ubuntu Hardy nel mio nuovo MacOsX…. ;

Stay tuned… and Think Different! 😉

A proposito Alessandro

Ingegnere delle Telecomunicazioni con propensione al web2.0 ed il pallino della tecnologia; toscano & casentinese, vivo a Firenze
  • alphawinux

    ahio sarà la fine di alexit blog? 😀

    per ora cerco di tenermi alla larga da quel sistema, sono troppo pigro e finirei per abituarmi alla comodità e abbandonare linux

  • Tranquilli non sarà la fine di alexit blog 🙂

    Come ho già detto… continuerò ad utilizzare Ubuntu linux anche su Mac….

    Anzi mi sa che vi aspettano un sacco di nuove guide ! 😉

  • Giulio

    Abbandonerai linux, abbandonerai il blog, o meglio diventerà una vetrina per i prodotti apple. E l’hai comprato perchè fa fashion, dato che l’hardware dei mac è lo stesso di tutti i pc (proviene da altri produttori e non dalla apple). L’unica cosa apple è la carrozzeria di plastica e il SO (ma non l’hai preso per questo). Potevi prendere un VAIO!!!!!!!

  • Giulio, sei solo INVIDIOSO 😀

  • Giulio

    Ma se ancora non l’ho nemmeno visto nè toccato! Vien via! se avessi avuto un pro magari si 🙂

  • Giulio ti quoto abbbbestia! 😛

    Alexit è sempre stato un fanboy Apple inside… Ora c’è anche la conferma :|.

    Resta il fatto che io Mac OS X proprio non riesco ad usarlo, anche oggi usando quello di un amico per fare du’ cose c’ho messo un quarto d’ora, ricadendo poi nella shell 😀

  • Merdoso

    Concordo con Giulio… un altro esempio… stai con la Letizia solo perchè ha la MINI, che fa “very cool”…che tristezza d’uomo 🙁

  • Ecco altri due invidiosetti …. 😛

    Tutti bravi a criticare!? Ancora non avete neppure visto il gioiellino! 😀

  • carlo

    A questo punto non ti resta che spiegare con una bella guida delle tue, come installare ubuntu sul mac book! ^_^

  • Auguroni!!!
    E’ il mio desiderio avere un macbook, e spero di poterlo ottenere dopo la laurea 😉

  • Il macbook è carino ma per lo stesso prezzo puoi avere di meglio, come ad esempio il mitico (e stupendo) Dell XPS M1330, che anche per quanto riguarda l’estetica è un ottimo concorrente del macbook.

    Poco tempo fa ho dovuto pormi il tuo stesso problema (anche il mio dell Inspiron 8600 ha tirato penosamente le cuoia) e anche io ero partito con l’idea di prendermi in mac (dicano pure quello che vogliono, ma i mac sono senz’altro tra i computer più eleganti in circolazione) ma poi una serie di dubbi mi hanno fatto desistere:

    – macbook bianchi si graffiano, ingialliscono col tempo (a meno che non ti lavi sempre le mani prima di usarli)
    – i macbook neri costano di più dei macbook bianchi solo perchè sono neri…
    – Calore: i macbook fondono facilmente, specialmente se girano con sistemi operativi che non sono progettati specificatamente per quella macchina
    – crepe: molti macbook si crepano in corrispondenza della chiusura magnetica… dicono che sia l’usura e il continuo appoggiarsi delle parti magnetiche sugli stessi punti
    – specifiche delle periferiche non proprio “concorrenziali” con altri prodotti dello stesso prezzo. Niente scheda grafica dedicata e risoluzione del monitor piuttosto bassa.

    Non discuto la bontà del sistema operativo di apple, ma alla fine se si usa ubuntu, anche questo fattore perde di importanza. Io poco fa ho acquistato un ottimo dell XPS m1530, le cui periferiche sono 100% compatibili e funzionanti con Ubuntu Hardy. È un computer che consiglio a tutti coloro che cercano un buon e bel computer su cui installare l’airone. Il rapporto qualità prezzo è assolutamente folgorante.

    Non voglio gufare contro il tuo mac che spero si riveli contrariamente a quanto da me appena detto, un ottimo acquisto. Cerca di godertelo!

    Buona fortuna 🙂

  • DominiK

    AleXit Dice:
    22 Maggio 2008 alle 5:25 pm
    Tranquilli non sarà la fine di alexit blog

    Come ho già detto… continuerò ad utilizzare Ubuntu linux anche su Mac….

    Anzi mi sa che vi aspettano un sacco di nuove guide !

    mmm.. io aspetto ancora il sacco di nuove guide… ghgh.. mi sa che steve jobs ha un nuovo adepto!!

  • Non per fare polemica…
    premetto che io uso per lavoro diversi tipi di *nix (pfsense, debian, ubuntu, centos) osx10.3,10.4 e 10.5 (a casa) e + o – tutte le versioni di winzzozz..
    Da attuale possessore di imac 24″e ex possessore (sigh sigh) di ibook 12″ G4, ho sentito critiche al mondo apple delle più disparate, ma fi tutti voi che criticate: avete mai usato veramente un mac??? dico così perche in tantissimi , di quelli che criticano, scopro poi che tanti non conoscone neanche il “beeng” all’accensione….
    Quelli che criticano in quel modo, e non intendo dire voi, secondo me sono allo stesso livello di quelli che se lo comprano perchè fa fico…..ci sono gli “antagonisti” che NON se lo comprano e lo criticano perchè i “fighi” se lo comprano….

    provate provate prima di parlare…
    per alexit: ottima scelta, io con ubuntu in versione PPC avevo diversi problemi con Openoffice e su alcuni compilatori, per te che hai un x86 dovrebbe andarti tutto liscio…
    buon divertimento!

  • @Neff
    Il dell xps (1300) è stato il concorrente piu stretto del macbook quando ho deciso per l’acquisto. Devo dire che per ora mi sto trovando benissimo… e non mi pento affatto.
    Per quanto riguarda quei problemucci… si ne sono al corrente… ma bisogna essere anche un po sfortunati e trattarlo male…
    E poi basta mandarlo in garanzia e ti cambiano TUTTE le plastiche (anche dopo un anno…)…. cosa che qualsiasi altro produttore si sognerebbe di fare.

    @Francesco
    Bravo… la penso esattamente come te. Anche io prima di provare DAVVERO ad usarlo… ero un po’ scettico, soprattutto su MacOs… e invece mi sono veramente RICREDUTO. Poi è evidente che è ad un livello di integrazione con l’hardware disarmante…. O_o
    Come gestione dell’alimentazione e del calore non c’è confronto, purtroppo, con ubuntu…. dove ancora le ventole mi partono con una frequenza eccessiva (su macos non si sentono MAI, nemmeno con questi caldi). Per il resto con Ubuntu va alla grandissima… 😉

    @ tutti
    Lo so, ultimamente non aggiorno molto il blog… ma ho diversi impegni… primo tra tutti l’Università….
    Prometto che appena ho un po’ di tempo tornero a parlare di Ubuntu, Linux… ma anche di Mac 🙂

    Ciao e grazie a tutti !!

  • lhenry

    Ahhh il macbook .. un vero giocattolo da fighetta .. io l’ho tenuto 10 mesi : i primi 5 con OSX (odio totale) poi finalmente ubuntu.
    cmq quello scarto plasticoso si è consumato dove appoggio i polsi: si è sfogliata la plastica. stessa cosa per per il guscio del monitor. ancke il lettore ottico ha smesso di funzionare sebbene avessi infilato in tutto una decina di discki.

    insomma ora ho un lenovo. un vero carroarmato da 1680×1050 questo è lavorare!

  • effettivamante pure sul mio vecchio G4 il lettore smise di funzionare….dopo un paio d’anni….l’ho sostituito con uno non originale, ma tale operazione è tutt’altro che semplice…
    a proposito … se a qualcuno può interessare la guida allo smontaggio ne parlai in un post qui: http://www.francescotenuta.net/?p=26

  • Anche io avevo la tua stessa convinzione.
    Ma devi capire che a 999 €, ci compri un asus con 350 GB di memoria, 4 di ram, scheda grafica NVDIA GEforce (non mi ricordo quale) da 17 pollici..

    quasi il doppio del macbook che di base, ha solo 1 GB di Ram e 160 GB di hard disk.

    anche io lo sogno in quanto stile, anche per il leopard, il sistema operativo più avanzato al mondo.

    Ma come ho già detto preferirei prendere un computer non apple, e dedicarci un 200 GB per installare Ubuntu, o qualche altra dstribuzione linux.

    Prestazione contro Stile.

    Questo è il dilemma.

  • ode all’aspire 1600, una stufa più che un portatile, ma di grande affidabilità. 🙂
    Il mio (1604) ha 5 anni e funziona ancora perfettamente, anche se non più come pc primario.

  • elcamilo

    D’accordo con Neff quasi in tutto, tre mesi fa ho preso proprio il Dell XPS M1330, l’unica precisazione è: non allo stesso prezzo, ma per molto meno! I prodotti apple sono carissimi, ed ora che usano processori Intel il confronto si può fare benissimo: per dire…il MacBook non ha neanche il masterizzatore dvd, vero?! Sono d’accordo sul fatto che sono belli, non ho mai usato quel so e non saprei dire, sento spesso della bontà dell’assistenza (ma anche che ultimamente la componentistica apple sta scadendo) ….ma credo che queste tre cose vengano pagate almeno 500 euro, più o meno. Ciascuno poi, coi soldi suoi..

  • elecamilo,
    io feci il confronto tra un m1330 con caratteristiche pari al macbook che ho preso, e veniva pressochè lo stesso prezzo.
    Sfatiamo il falso mito che i prodotti apple sono carissimi. Non è più cosi… fate i giusti confronti e vedrete.
    Il masterizzatore dvd il mio ce l’ha… è il superdrive.
    Mac OS l’ho trovato superlativo… ecco un sistema operativo per cui vale la pena di speder qualche soldo (non come vista). Come dice pure Shuttelwork, la “user experience” che ti da’, è ineguagliabile.
    Come si dice poi… “de gustibus…” io per ora mi trovo stra bene… sono sempre più innamorato del mio bianchino e sono strasoddisfatto dell’acquisto 🙂

  • Pingback: Tastiera MacBook non funzionante ripristinata con un reset SMD/NVRAM - Alessandro Grechi()

  • Pingback: Tastiera MacBook non funzionante ripristinata con un reset SMC/NVRAM - Alessandro Grechi()