Il 29 Settembre è iniziata la seconda parte del Progetto TAG ad Arezzo, che prevede un mini-corso in 4 lezioni per imparare a costruire il proprio sito web partendo da zero, sfruttando CMS opensource come Joomla! e WordPress.
Tutti gli incontri si svolgono presso il Centro Giovani di Villa Severi ad Arezzo, alle ore 16.30 e sono tenute dal sottoscritto insieme a Michele Squillantini.

 

Di seguito il materiale delle lezioni.

Leggi tutto →

Il quarto incontro del Progetto TAG della Provincia di Arezzo si è svolto il 28/09/2012 presso il centro giovani “ZAK” di Camucia.

Una panoramica sui Social Network (Facebook e Twitter in particolare) con dati sulla diffusione, la gestione della propria identità, il social recruiting, le impostazioni sulla privacy ed i consigli per utilizzare in modo consapevole e attento questi strumenti.

Giovedi 27 Settembre abbiamo avuto il terzo incontro del Progetto TAG in Arezzo e provincia (dopo quello di San Giovanni e di Sansepolcro).

Questa volta il tema era: “A scuola col Pinguino. La versatilità di Linux al servizio della didattica

Leggi tutto →

Ho avuto modo di provare per diversi giorni due di questi adattatori Ethernet Powerline della AVM, che permettono di creare in modo semplice e veloce una LAN sfruttando le comuni prese di corrente di casa.

Tecnologia Powerline

L’idea che sta alla base della tecnologia powerline (o PLC) è quella di sfrutta l’impianto elettrico di casa come fosse una rete LAN ethernet. In che modo? Grazie a degli adattatori che (similmente a come avviene nei modem ADSL) modulano il segnale dati digitale in alta frequenza nella rete elettrica in modo che possa “viaggiare”  senza interferire con quello elettrico (a 50Hz). Ciò permette di creare LAN anche in punti molto lontani della casa senza passare alcun cavo. Tutto plug&play ! Bello, no? Ma funziona veramente?

Caratteristiche

Nella confezione del FRITZ!Powerline 500E sono presenti due adattatori di rete, due cavi ethernet ed il manuale di istruzioni.

Il dispositivo è uno scatolotto bianco, nel lato inferiore sono presenti il connettore Gigabit Ethernet, il tasto reset e quello security (di cui parlerò più avanti). Nella parte frontale troviamo 3 led: Power, LAN e Powerline.

La velocità dichiarata sulla scatola è di 500 Mbit/s. (Teorici, ovviamente). Leggi tutto →

Ieri pomeriggio (13 Settembre 2012) c’è stato il primo incontro del Progetto Tag, presso la ex Ceramica a San Giovanni Valdarno.

Titolo della giornata: “L’evoluzione dell’identità online al tempo del web 2.0

Insieme a Michele Squillantini e Chiara Ferretti (GeekMom.it) abbiamo parlato di identità, anonimato, privacy, sicurezza, privacy minorile, web 2.0, Facebook e i social network, Google, personal branding.

Una bella giornata nonostante i pochi presenti… ma sicuramente molto attenti e interessati!

Ecco le slides che abbiamo proiettato:

Leggi tutto →

Come forse qualcuno che mi conosce già saprà, a febbraio 2012 ho partecipato ad un bando di selezione a livello regionale (Toscana) che cercava 20 giovani “talenti” digitali (due per ogni provincia) da impiegare come formatori di altri giovani tra i 15 e i 35 anni.

 Si tratta del “Progetto TAG” (Toscana Area Giovani), finanziato dal Ministero della Gioventù, e promosso in Toscana dall’Upi regionale in collaborazione con le dieci Province, la Fondazione Sistema Toscana e il Corecom, con l’obiettivo di fornire un concreto contributo all’alfabetizzazione tecnologica delle nuove generazioni, partendo dalla convinzione che oggi chi sa usare internet ha una marcia in più, sia se cerca lavoro, sia se vuole migliorare la propria preparazione o più semplicemente se desidera fare nuove amicizie.

Ebbene, sono stato selezionato per la Provincia di Arezzo insieme a Michele Squillantini (amico e collega, ndr 😉 ) col quale avrò onere e onore di organizzare gli incontri nei mesi di Settembre e Ottobre.

Finalmente dopo qualche mese di preparazione finalmente dalla prossima settimana entreremo nel vivo di quel bel progetto.
La prima parte del nostro percorso prevede 5 incontri che saranno svolti nelle 4 vallate aretine (Valdarno, Valtiberina, Valdichiana, Casentino) in modo da coinvolgere quanto più possibile tutti i territori, per poi concludersi ad Arezzo per una giornata di riepilogo e, allo stesso tempo, di lancio della seconda parte del percorso che si svolgerà durante il mese di Ottobre e verterà sul “web authoring“: con un mini-corso di 5 lezioni cercheremo infatti di spiegare, a partire da fondamenti, come fare per muovere i primi passi su Internet e costruire da soli il proprio sito web sfruttando alcune delle più comuni piattaforme Open Source: Joomla! e WordPress.

Ecco i programmi dei primi 5 incontri:

Leggi tutto →

Per gentile concessione dell’amico Andrea Trapani (La Voce impertinente delle TLC) in questi giorni ho avuto la possibilità di avere tra le mani lo “zBoost-ONE 3G Signal Booster“, ovvero un dispositivo con la funzione di ricevere e ritrasmettere, amplificandolo, il segnale 3G/UMTS (2100MHz) di un qualsiasi gestore di telefonia mobile che supporti questo standard.

 

Ecco come si presenta la scatola del prodotto

Avevo sentito da tempo parlare di prodotti del genere ma non avevo mai avuto la possibilità di testarli con mano. Anzi, sono sempre stato abbastanza scettico sulle loro effettive funzionalità. Quando Andrea mi ha offerto una prova gratuita, non ho potuto certo tener a freno la mia curiosità tecnologica-ingegneristica 😛

Ma ora bando alle ciance e via con il test!

Leggi tutto →

E’ stato aperto in questi giorni www.casentinesi.it, una community rivolta ai Casentinesi.

Nato dall’idea di tre giovani, è uno spazio libero, aperto e gratuito in cui discutere le notizie della vallata, un punto di riferimento per cercare eventi e manifestazioni, scegliere o consigliare un locale, socializzare e conoscere gli altri Casentinesi.

I Casentinesi hanno da sempre una voglia innata di fare, di informarsi, di organizzare, di partecipare. Quale strumento meglio di Internet può abbattere le distanze, superare le montagne e unire le persone?
Esistono diversi siti sul Casentino, per lo più turistici, e nessuno rivolto specificatamente ai Casentinesi. E sui social network non è sempre facile ritrovare informazioni ed eventi in programma.
Fino ad oggi mancava un sito che riunisse tutti gli abitanti di questa stupenda valle toscana, a prescindere dalla loro età, i loro interessi, dal Comune, dall’orientamento politico o religioso, ma accomunati dal fatto di vivere (e amare) il Casentino.

Il sito è composto principalmente da un forum, articolato in diverse sezioni tematiche (discussioni generali, agenda eventi, ristoranti e pizzerie, locali notturni, fotografia, musica, sport, cinema & TV, informatica, ecc). E’ presente anche un calendario in cui ritrovare, ordinati e organizzati, tutti gli appuntamenti in programma.

Il motore di Casentinesi.it sono gli utenti: saranno i Casentinesi a scrivere, discutere, commentare. proporre.

Invito quindi tutti i Casentinesi a iscrivervi e partecipare attivamente !

Pubblico qui sul blog un elaborato fatto per il corso di Sistemi Telematici, dal titolo in oggetto.
Spero che la mia analisi possa essere utile anche per qualcun altro 😉

Introduzione

Identità Federata nelle PA

Scenario di Identità Federata nelle PA

Che cosa è l’identità?

Generalmente è Cosa sei? Cosa ti piace?.

In una visione allargata l’identità è anche la reputazione: Cosa dico su di me? Cosa dicono gli altri su di me?

Nel mondo reale l’identità può venire accertata in modo diretto o verbale solo se conosciamo (o ci fidiamo) dell’interlocutore.

Altrimenti il metodo più utilizzato è l’utilizzo di carte identificative, rilasciate da un’autorità terza (e di solito certificata e ritenuta affidabile dalle parti), contenente i principali dati e la foto.

Ma come avviene lo scambio di identità sul web ? Il problema di fondo è che Internet ed i browser non sono stati pensati per identificare univocamente gli utenti.

Quando facciamo l’accesso ad un sito immettendo username e password, in realtà non stiamo accertando che siamo fisicamente noi, ma che “qualcuno” in possesso di quelle credenziali sta lavorando o immettendo dati. E’ analogo ad una chiave di casa: chiunque in possesso della chiave giusta può entrare, anche se non autorizzato.

Una identità digitale di questo tipo è semplicemente quello che il sito web conosce su di te.

Ciascuno di noi può avere più identità, dipendenti dal contesto. Così come nella vita reale possiamo avere un passaporto, una patente di guida, una tessera universitaria, una carta di credito che, pur appartenendo alla medesima persona, abilitano differenti funzioni nei rispettivi contesti, così nel mondo digitalizzato abbiamo una fragmentazione dell’identità. Il problema è che non c’è un modo semplice, affidabile e sicuro per gestire questo complesso portafoglio di identità digitali.

Il quadro che si sta delineando è dunque la presenza di una propria identità digitale frammentata e dispersa per la rete e questo si traduce non solo in un moltiplicarsi di password, account e profili ma anche di un importante rischio per la propria privacy, dato che è spesso improbabile, se non impossibile, tener traccia di tutti i propri dati e aver la possibilità di gestirli, aggiornarli, modificarli o semplicemente cancellarli.

Dato che saranno sempre necessari tanti e diversi tipi di identità, l’idea di una identità unica, centralizzata e gestita da un solo sistema è sicuramente da scartare.

Il problema dell’identità non si limita a quella dei servizi Internet. Con la crescente diffusione dell’e-Government, la necessità di soluzioni sicure ed affidabili per la gestione delle identità dei cittadini si è fatta molto più stringente. Anche nell’ambiente della Pubblica Amministrazione ci troviamo di fronte ad una identità (del cittadino) frammentata e dispersa in molteplici banche dati. La soluzione ideale è un framework che sia trasparente all’utente finale, ma che abiliti nel back-office tutta una serie di procedure finalizzate a collegare in modo sicuro i vari frammenti dell’identità del cittadino.

In questo elaborato saranno analizzati i possibili soggetti fiduciari per la gestione di identità, sia per i privati che per le pubbliche amministrazioni, focalizzando l’attenzione soprattutto sulla gestione di identità federata.

Concluderò con un confronto tra le varie soluzioni analizzate.

Leggi tutto →

Probabilmente saprete già tutti di cosa parlo: per chi avesse vissuto le ultime settimane su un altro pianeta o non avesse seguito alcuna partita dei mondiali, per vuvuzelas intendo quelle FASTIODIOSISSIME trombette che gli africani suonano incessantemente dall’inizio alla fine in ogni partita.

Oltre ad imprecare in ogni lingua africana, perché già dopo 5 minuti non si sopportano più, mi sono chiesto (per la serie “Siccome sono un Ingegnere…”) se esistesse un modo per filtrare dalla telecronaca il suono di quelle trombette, lasciando inalterato tutto il resto. Beh è bastata qualche ricerca su Google e un paio di prove per rendersi conto che c’era chi ci aveva già pensato prima di me !

Leggi tutto →