Projection mapping, matrice LED e DMX sincronizzati via ArtNet

Il 5 Gennaio 2014 con gli amici del BLAQ Visual Deparment abbiamo realizzato un’altra installazione utilizzando sempre il nostro pannello a LED autocostruito (BLEM), il projection mapping con video proiettore ed il controllo delle luci DMX del locale.

La descrizione schematica della struttura è la seguente. Di seguito un video e qualche dettaglio tecnico.

 

Per quanto ciascun elemento dello stage abbia presentato le proprie difficoltà (il pannello BLEM doveva essere appeso saldamente, i rettangoli mappati correttamente con visual appositamente creati con Quartz Composer, Cinema4D, VDMX, le barre e luci DMX tutte programmate con QLC+, la vera sfida è stata SINCRONIZZARE tutto. Ogni elemento infatti reagisce con l’altro e contemporaneamente con l’audio!

La nostra consolle era formata da 3 computer collegati in rete tramite switch (su rete ArtNet), ciascuno addetto al controllo di un elemento:

  • MacBook A
    Software: VDMX e MadMapper
    Input: Controller MIDI Akai APC40, scheda audio firewire per audio in dal mixer.
    Output: VGA (proiettore), ArtNet (a QLC+)
  • MacBook B
    Software: QLC+
    Input: Controller KORG NanoKontrol e NanoPAD, iPhone con TouchOSC via WiFi, canale ArtNet da MadMapper
    con QLC+
    Output: USB-DMX, ArtNet al Computer C per controllo scene Jinx
  • Computer C (Windows)
    Software: Jinx!
    Input: ArtNet (controllo scene da nanoPAD)
    Output: ArtNet, invio animazioni al pannello BLEM

A questi inoltre va aggiunto il Raspberry Pi collegato al BLEM, su cui girava il server OLA con il compito di ricevere in input ArtNet e tradurlo con un plugin SPI in valori RGB ai led.

Tutto questo sistema che è sicuramente complesso nella descrizione in realtà è semplice nell’utilizzo e ci ha permesso alla fine di controllare (con i controller midi) i tre elementi (mapping, dmx, blem) in modo indipendente oppure in sincro.
Per esempio è stato possibile illuminare le barre DMX insieme a punti specifici delle proiezioni. Questo grazie alle funzionalità DMX / MadLight di MadMapper, oppure impostare un “master globale” di tutto o una scena “strobo globale”.

Per essere ancora alle prime armi con questo modo (abbiamo iniziato a settembre scorso!) sicuramente abbiamo fatto grossi passi avanti. La flessibilità di programmi come QLC+ e la potenza dell’OpenSource unita a ottimi programmi come MadMapper permettono di realizzare un’infinità di idee in modo relativamente semplice!

A proposito Alessandro

Ingegnere delle Telecomunicazioni con propensione al web2.0 ed il pallino della tecnologia; toscano & casentinese, vivo a Firenze