FRITZ!Powerline 500E, recensione e test

FRITZ!Powerline 500E, recensione e test

Ho avuto modo di provare per diversi giorni due di questi adattatori Ethernet Powerline della AVM, che permettono di creare in modo semplice e veloce una LAN sfruttando le comuni prese di corrente di casa.

Tecnologia Powerline

L’idea che sta alla base della tecnologia powerline (o PLC) è quella di sfrutta l’impianto elettrico di casa come fosse una rete LAN ethernet. In che modo? Grazie a degli adattatori che (similmente a come avviene nei modem ADSL) modulano il segnale dati digitale in alta frequenza nella rete elettrica in modo che possa “viaggiare”  senza interferire con quello elettrico (a 50Hz). Ciò permette di creare LAN anche in punti molto lontani della casa senza passare alcun cavo. Tutto plug&play ! Bello, no? Ma funziona veramente?

Caratteristiche

Nella confezione del FRITZ!Powerline 500E sono presenti due adattatori di rete, due cavi ethernet ed il manuale di istruzioni.

Il dispositivo è uno scatolotto bianco, nel lato inferiore sono presenti il connettore Gigabit Ethernet, il tasto reset e quello security (di cui parlerò più avanti). Nella parte frontale troviamo 3 led: Power, LAN e Powerline.

La velocità dichiarata sulla scatola è di 500 Mbit/s. (Teorici, ovviamente).

Funzionamento

Mettere in piedi una rete è veramente facilissimo: niente di più che collegare i due adattatori ad una presa di corrente a muro (meglio se non ci sono multiple, adattatori, ciabatte), collegare ciascun cavo al computer e attendere (pochi secondi) che i 3 led diventino verdi. Fatto ! 🙂
Tutto funziona esattamente come ci si aspetta. I computer connessi  vedono semplicemente una normale rete Ethernet, senza accorgersi della differenza.

I due adattatori compresi nella confezione sono infatti già sincronizzati tra loro (e la loro comunicazione protetta da password). Qualora se ne volessero aggiungere altri per estendere la rete, basta collegarli alla presa di corrente e premere il tastino “security” in ognuno, entro 2 minuti.

È disponibile anche un applicativo (solo per Windows, purtroppo) che permette di visualizzare i powerline connessi alla rete, la loro velocità di trasmissione e cambiargli alcuni parametri avanzati, come la possibilità attivare il risparmio energetico (che limita il bitrate della porta ethernet a 100Mbits), disattivare i led e aggiornare il firmware.

L’utility di configurazione del Fritz!powerline 500E

Test

Per testare questi dispositivi li ho attaccati a due computer (un MacBook con porta Gigabit e un Raspberry Pi con porta 100Mbits) e poi ho utilizzato IPERF per misurare il throughput, variando la loro posizione all’interno della mia casa.

Non ho avuto la possibilità di fare il test con due dispositivi Gigabit ethernet, ma non credo che le prestazioni sarebbero aumentate molto, visti i risultati (forse qualcosa in più solo nel primo caso).

Le prestazioni sono ovviamente risultate inferiori a quelle teoriche dichiarate, come è logico aspettarsi, ma si sono rivelate molto buone ed in linea con quanto mi aspettavo.

Collegando i due adattatori a prese della stessa stanza ho raggiunto un throughput di 90 Mbits (pari a quello ethernet, dunque), e allontanandomi anche molto (in altre stanze) non sono mai sceso sotto i 10 Mbits. Addirittura ho provato a collocare un dispositivo in garage e l’altro nella mansarda del mio appartamento, 3 piani sopra: il collegamento avveniva sempre senza alcun problema, anche laddove un segnale wireless non sarebbe certo arrivato !

Ecco una tabella riepilogativa dei risultati:

Posizione, tempo di test Velocità riportata dall’utility di configurazione (send/receive) – Mbits Throughput con IPERF – Mbits
1 Stessa stanza, 10s 320/255 90
2 Stanze adiacenti 1, 10s 40/255 11
3 Stanze adiacenti 1, 120s 40/255 11
4 Stanze adiacenti 2, 10s 93/48 21

 

Ed ecco i relativi grafici:

Adattatori nella stessa stanza. Test di 10 secondi Velocità misurata: 90Mbits

Stanze adiacenti. Testi di 10 secondi. Velocità misurata: 11 Mbits

Stanze adiacenti. Test su 2 minuti. Si evidenzia la banda pressoché costante

Altra stanza adiacente, qui il risultato è migliore del precedente: 21 Mbits

Conclusioni

Nonostante fossi un po’ scettico sulla tecnologia powerline, sono rimasto piacevolmente sorpreso dai risultati della mia prova, ed in particolare da questi Fritz.
Facilissimi da configurare,  permettono di creare una LAN in pochi secondi. La velocità è sempre rimasta più che accettabile e soprattutto costante nel tempo.

Powerline o WiFi ?

Ci sono alcune situazioni in cui una rete powerline più essere migliore di una wifi:

  • Collegare tv e media box al router: il collegamento rimane forte e stabile, non risente di interferenze, ritardi o di sovraccarico tipico del wifi. Ideale per inviare contenuti in streaming.
  • Portare la connessione da un modem/router lontano fino alla stanza in cui è presente il computer, senza dover creare per forza una rete wifi.
  • Nei casi in cui creare una rete wifi è impossibile o difficoltoso: per esempio quando ci sono molti muri in mezzo che schermano molto il segnale radio, o quando nelle vicinanze ci sono talmente tante reti interferenti che le prestazioni della nostra sono al limite della decenza (situazione sempre più comune, in città)
  • Per limitare la presenza di onde radio nell’abitazione.
  • Collegare alla propria rete un disco condiviso o NAS: in questi casi l’alta velocità ed il throughput costante, senza sbalzi, possono fare la differenza. Stessa cosa se disponiamo di un router avanzato come il Fritz!Box 7330 che dispone di porte USB per condividere unità di massa e stampanti.

Prezzo

Questo modello (FRITZ!Powerline 500E) (con due adattatori, ricordo) si può trovare ad un centinaio di euro su Amazon.it o su Fritzshop.

A proposito Alessandro

Ingegnere delle Telecomunicazioni con propensione al web2.0 ed il pallino della tecnologia; toscano & casentinese, vivo a Firenze