Network Manager 0.7, pacchetti deb per Ubuntu Hardy

Forse avrete già letto nella blogosfera notizie sulla versione 0.7 di Network Manager, considerato dai suoi stessi creatori il “nuovo Chuck Norris“. Forse perchè guardando le features e lo changelog rispetto alle versioni 0.6.x, ci si meraviglia di quante cose riesca a fare…

Premetto: la versione 0.7 ha in comune con le precedenti solo il nome. Tutto il resto è stato cambiato, riscritto, migliorato. C’è voluto molto lavoro e molto tempo, ma i risultati si iniziano ad apprezzare.

Benché l’idea di base e la struttura di Network Manager 0.6.x siano sempre state ottime, sopratutto per l’integrazione col sistema e con GNOME, i problemi e le mancanze di questo piccolo (ma importante) tool di gestione ha da sempre dato molti grattacapi agli utenti, soprattutto quelli alle prime armi che si aspettavano che la connessione wireless semplicemente funzionasse con due click, cosi come è negli altri sistemi operativi, e cosi come dovrebbe essere al giorno d’oggi. Molti si sono scoraggiati, i più esperti si sono affidati al sempre ubbidiente Terminale, altri dopo aver cercato e chiesto aiuto hanno trovato valide alternative (Wicd, in primis) ma alcuni avranno sicuramente abbandonato il cd di Linux in un cassetto, in attesa di tempi migliori.

Gli sviluppatori GNOME non sono certo rimasti insensibili alle critiche e alle proteste… riscrivendo il programma quasi completamente da zero, tappando buchi e aggiungendo bottoni e pannelli.
Il risultato non è ancora completo e stabile (siete avvertiti), ma già più che utilizzabile, soprattutto se siete curiosi e smanettoni.

Se invece avete paura o non volete rischiare di “sputtanare” il sistema, allora NON installate i prossimi pacchetti, e aspettate la versione stabile.

Prima qualche immagine per creare suspence: 🙂

Se siete interessati, potete trovare tutti gli screenshots in questo ottimo articolo.

Ed ora un po’ di fatti:

  • Supporto per IP e DNS statici, sia per qualunque tipo di connessione
  • Wired
    • Autenticazione 802.1x
  • Wireless
    • Modalità Infrastruttura e Ad Hoc
    • Impostazione BSSID e MAC statici per ogni connessione
    • MTU impostabile
    • Supporto per WEP, LEAP, WPA1, WPA2 personal e enterprise
  • Connessioni Mobili
    • GSM, GPRS, UMTS, HDSPA
    • Supporto protocollo PPP con autenticazione e compressione e echo
  • VPN
  • DSL
    • Supporto completo a connessioni PPPOE
    • Autenticazione e connessione automatica
  • Periferiche attive multiple

Se vi siete convinti a testarlo, trovate i pacchetti necessari nel repository PPA di Alexander Sack, il mantainer ufficiale di Network Manger per Ubuntu.

E’ sufficiente aggiungere al file /etc/apt/sources.list le seguenti righe:

deb http://ppa.launchpad.net/network-manager/ubuntu hardy main
deb-src http://ppa.launchpad.net/network-manager/ubuntu hardy main

e dunque aggiornare con i consueti

sudo apt-get update
sudo apt-get upgrade

Questo provvederà ad aggiornare il vostro network manager alla versione 0.7 (beta). Saranno inoltre aggiornate le librerie necessarie, e una nuova versione di wpasupplicant.

Nel caso aveste sostituito in passato network manager con wicd, sarà sufficiente installare i pacchetti network-manager e network-manager-gnome (wicd verrà rimosso in automatico).

Affinchè l’applet parta in automatico all’avvio, verificare che in Sistema -> Preferenze -> Sessioni sia presente e attivata “nm-applet“. In caso contrario, aggiungerla.

Dai test che ho effettuato fin’ora, sembra funzionare tutto correttamente senza particolari problemi. Ancora il supporto VPN e IPv6 non è completamente abilitato, ma è presente in SVN.

Se volete che all’avvio della sessione non sia richiesto ogni volta lo sblocco del portachiavi, aprite il pannello “Autorizzazioni” in Sistema -> Amministrazione. Qui, andate alla voce network-manager-settings -> system -> modify sistem connections. Sulla destra, sotto “Autorizzazioni implicite” cliccate nel tasto “Modifica“, e assegnare “Yes” alla voce “Console attiva“. Al riavvio non dovrebbe esser richiesto più niente… 😉

Sicuramente una spanna sopra il vecchio Network Manager, ma per certi cose anche a Wicd (in attesa di confrontarlo con la prossima versione stabile 1.5, in uscita a breve).
Speriamo che sia incluso di default nella prossima versione di Ubuntu, la Intrepid 😉

A proposito Alessandro

Ingegnere delle Telecomunicazioni con propensione al web2.0 ed il pallino della tecnologia; toscano & casentinese, vivo a Firenze